Vivere in Germania

Cambio vita e vado a vivere in Germania

Lavorare in Germania

Stipendi più alti e costo della vita più basso rispetto all’Italia: lavorare in Germania conviene. Ma non è tutto oro quello che luccica. Già, perché c’è da sfatare questo mito che vede la Germania agli occhi di noi italiani come il Paese dei balocchi dove si va per trovare ricchezza. Sono ormai solo vecchie immagini del passato quelle che vedono il classico zio trasferito in Germania a fare il cameriere rientrare ogni estate con automobili sempre più costose e capi d’abbigliamento che in Italia potrebbe permettersi solo un imprenditore. Dunque, se hai deciso di andare a vivere in Germania probabilmente non diventerai ricco in un anno, né in 10 e forse mai. Ciò non toglie che potrai comunque condurre una vita tranquilla, sufficientemente agiata e magari avrai la possibilità di toglierti qualche piccolo sfizio. Ma, poiché anche lì piove acqua (no, non soldi) esattamente come in Italia, la prima cosa da fare è trovare lavoro in Germania.

Quant’è facile trovare lavoro in Germania?

Non esiste una risposta universale a questa domanda. Tutto dipende da quello che sai fare e, soprattutto, da quello che vuoi fare. In linea generale, però, non dovresti avere difficoltà a trovare lavoro, qualunque sia la tua professione. Partendo dal basso, trovare lavoro come cameriere in Germania è davvero semplice e, in un certo senso, la prima occupazione più comoda nel caso in cui non conosci né il tedesco né l’inglese: potresti infatti trovare lavoro presso un ristorante, una pizzeria o una gelateria gestita da italiani e piano piano imparare la lingua per poi spiccare il volo verso altre professioni. Se invece conosci abbastanza bene l’inglese, ti occupi di informatica, ma ancora non sei molto pratico di lingua tedesca, potresti trovare comunque subito lavoro direttamente nel tuo settore. In ogni caso, non si scappa: devi imparare il tedesco! Come potrai chiedere informazioni mentre fai la spesa o come potrai costruirti nuove amicizie senza parlare la loro stessa lingua?

Il curriculum serve?

La risposta è sì. Ma attenzione: devi tradurre il tuo curriculum dall’italiano al tedesco (se non sei ancora molto bravo con la lingua, puoi farti aiutare da un amico che parla il tedesco o rivolgerti a dei traduttori professionisti) e inviarlo alle aziende dove vorresti lavorare. Puoi anche inviarlo via mail, ma è poco consigliato farlo se ti trovi ancora in Italia. Non tutte le aziende, infatti, accettano colloqui via Internet e molte ti chiederanno di fissare un incontro direttamente nella loro sede: se non sarai disponibile a recarti in Germania al giorno e all’orario concordato, potresti aver perso un’occasione. Il consiglio, dunque, è quello di preparare il tuo curriculum prima di partire e poi incominciare a distribuirlo quando sarai arrivato a destinazione. Con un buon curriculum (occhio a non scrivere bugie, perché hanno le gambe corte!) non dovresti aver difficoltà a trovare lavoro in Germania.